Verifica del Bilanciamento tra i canali destro e sinistro

di Mario Bon

9 dicembre 2011

(riletto il 20 novembre 2012)

 

La posizione del canale virtuale centrale, e più in generale la riproduzione della Spazialità, dipende dal bilanciamento tra il canale destro e sinistro: affinché tutto funzioni al meglio è necessario che i canale destro e sinistro siano uguali come livello e come risposta in frequenza (del suono diretto). Le caratteristiche di radiazione, invece, devono essere speculari  (vedere anche http://www.mariobon.com/Articoli/Specularita.htm).

 

Può succedere che esista un leggero sbilanciamento (differenza di guadagno) tra i canali destro e sinistro del lettore CD (o della sorgente in generale). Può anche succedere che un analogo sbilanciamento esista anche tra i canali destro e sinistro dell’amplificatore.

Tali sbilanciamenti si possono sommare (peggiorando) o compensarsi a vicenda (migliorando). Nella figura che segue si vede come compensare questo sbilanciamento mantenendo il corretto ordine dei canali (destro a destra e sinistro a sinistra). In sostanza basta scambiare gli ingressi dell’amplificatore e contemporaneamente scambiare anche la connessione dei diffusori all’uscita dell’amplificatore.

Dato che non conosciamo se tali sbilanciamenti esistano o no conviene fare il test appena descritto e valutare la posizione del canale centrale virtuale (dovrebbe migliorare la Spazialità  e la qualità della riproduzione in generale). Il giudizio soggettivo è più che sufficiente.

 

 

Il Null Test di Bob Carter  (http://www.mariobon.com/Articoli_sito/NullTest.htm)

 

Questa procedura è stata utilizzata da Carver per verificare le differenze timbriche tra due amplificatori e può essere usata per verificare il bilanciamento tra i canali di un amplificatore stereo o di tutta la catena audio. In sostanza gli ingressi vengono pilotati dallo stesso stimolo e l’altoparlante viene collegato tra le uscite positive dei due canali dell’amplificatore (come se fosse a ponte).

Ai capi dell’altoparlante la tensione di modo comune non produce alcun suono. Quindi se i canali destro e sinistro sono uguali non si sente alcun suono nemmeno alzando al massimo il volume. L’eventuale  differenza di tensione tra il canale destro e sinistro invece produce una corrente che eccita l’altoparlante e lo fa suonare. Quindi, con il diffusore collegato in questo modo, si sentono solo le differenze tra i canali (che dovrebbero essere nulle).

 

Utilizzando un CD con una traccia mono si verifica il bilanciamento del CD e dell’intera catena (una traccia monofonica è sempre presente  nei dischi test).

Questo test si può fare con qualsiasi amplificatore (anche dual-mono con masse separate). Fate attenzione che i cavi siano ben collegati e  che nessun cavo venga scollegato durante il test. 

 

Collegamento degli ingressi per potervi applicare lo stesso segnale.

Il test con un CD mono

 

 

Offset in continua

 

Accendiamo il lettore CD e l’amplificatore, nessun CD nel lettore e lettore in pausa.

Se, alzando il volume senza alcun segnale in ingresso, si nota che il diaframma del woofer si sposta (avanti o indietro) significa all’uscita dell’amplificatore è presente una componente continua. Questo se provoca uno spostamento minore di un millimetro, non danneggerà il woofer ma provocherà un aumento della distorsione. 

Se disponiamo di un multimetro possiamo misurare la componente continua presente all’uscita dell’amplificatore. Questa deve risultare nulla o molto piccola (nell’ordine dei milliVolt).

Più i diffusori sono sensibili (efficienti) più l’offset in continua è dannoso.