Compromesso
4 luglio 2016

Il compromesso è una scelta che, tra due soluzioni incompatibili, sceglie una “via di mezzo” che, per definizione, non ottimizza nessuna delle due. I compromessi derivano da specifiche di progetto tra loro incompatibili.

Consideriamo queste specifiche di progetto:

diffusore passivo con cabinet da 8 litri, 30 Hz a –3dB, sensibilità 94 dB, impedenza nominale 8 Ohm.

Per un diffusore passivo non è possibile fissare arbitrariamente estensione verso le basse frequenze, volume del cabinet e sensibilità quindi il risultato voluto non potrà essere raggiunto. In questo caso non sono necessari dei compromessi ma delle specifiche di progetto compatibili con la fisica dei dispositivi.

A fronte di una serie di specifiche la prima cosa da fare è lo “studio di fattibilità” e, nel caso non risulti possibile realizzare il dispositivo rispettando i costi, si dovrà procedere alla revisione delle specifiche di progetto. Quando le specifiche di progetto sono ben formulate i compromessi non sono necessari.

Tutto questo per dire che la frase “realizzato senza compromessi” non significa nulla.

Un progetto ben fatto deriva sempre da specifiche precise ed adeguate e quindi non esistono compromessi ma scelte di progetto.
Se un dispositivo è realizzato scendendo a compromessi o è mal fatto o non rispetta le specifiche di progetto.