Riflesione

 

quando un’onda incontra sul suo cammino un ostacolo abbastanza grande una parte dell’energia viene riflessa, una parte viene assorbita (dall’ostacolo) e una parte (se attraversa l’ostacolo) viene trasmessa oltre l’ostacolo. I contorni dell’ostacolo si comportano come sorgenti secondarie e danno origine a interferenza piuttosto che diffrazione o diffusione.

 

L’immagine che vediamo nello specchio è costituita da onde luminose riflesse. Con le onde sonore avviene la stessa cosa. Il fenomeno più appariscente creato dalla riflessione è la eco. Un ostacolo “abbastanza grande” significa di dimensioni paragonabili alla lunghezza d’onda del suono incidente (maggiori ad 1/8 o 1/4 della lunghezza d’onda). Vedere interferenza.

 

Si produce una riflessione ogni qualvolta una perturbazione incontra una variazione di impedenza. La riflessione su uno specchio è solo un caso particolare di riflessione. Una discontinuità di impedenza si presenta in corrispondenza della variazione del diametro di un condotto oppure, analogamente, in corrispondenza alla giunzione di due cavi diversi, nell’interfaccia tra due strati di materiale fonoassorbente di densità diversa, ecc. .

 

Vedere anche Sezioni Coniche

 

Esempi di variazione di impedenza:

 

Variazione del diametro di un tubo

 

Variazione dell’indice di rifrazione tra due mezzi trasparenti