Cervello_Limiti del
12 luglio 2018
MB


Il cervello ha dei limiti che derivano dalla massima temperatura sopportabile dai neuroni e dal consumo energetico. Per prima cosa la temperatura del cervello non deve superare i 39 gradi. La dimensione del cervello non può superare un certo limite altrimenti i neuroni più interni non riescono a dissipare il calore, si scaldano e muoiono. Dall'altra parte il cervello umano adulto consuma già il 20-25% delle risorse del corpo. Se consuma troppo sottrae risorse al corpo che, ad un certo punto, non riesce più a sostenersi e porta così a morte anche il cervello. Il cervello del neonato assorbe il 60% delle risorse e per questo cresce lentamente e deve essere accudito. Non poter superare una certa dimensione implica la limitazione del numero di neuroni disponibili ovvero una limitazione del numero di dati memorizzabili. Diventa così necessario limitare il numero di informazioni memorizzate (economia di pensiero che si ottiene attraverso l'unità di trattazione). Quindi, a posteriori, possiamo dire che i principi che regolano lo sviluppo del cervello sono:

- il risparmio energetico (termodinamica)
- l' economia di pensiero attraverso l'unità di trattazione.

L'economia di pensiero è una attività consapevole. Se il cervello può fare a meno della velocità opera "lentamente" (linguaggio->veloce, scrittura->lenta). Vedere Economia di Pensiero


Una delle cose più difficili, se non impossibile, per il cervello, è immaginare una successione di eventi casuali (per esempio numeri casuali). Ciò è dovuto al fatto che non esistono, in memoria, ricordi "isolati" ovvero non collegati ad altri (sarebbero irrecuperabili). Vedere Alzheimer.