14 marzo 2018

MB

 

Potenza elettrica assorbita dall’altoparlante.

 

La potenza elettrica assorbita da un trasduttore è necessaria per il calcolo del rendimento (e rientra nella definizione di rendimento).

In generale: (l’asterisco indica il complesso coniugato)

 

Pele = e i*

(1)

e = tensione ai morsetti di ingresso

i = corrente

i = e/ Ztot

(2)

Ztot = impedenza elettrica ai morsetti dell’altoparlante

Pele = e e* /(Ztot)*

 

La (1) dove i è sostituita dalla (2)

Pele = |e|2 /(Ztot)*

 

|e|2 = modulo quadro della tensione in ingresso

Pele = |e|2 Ztot /|Ztot|2

 

Espressione generale corretta (anche dal punto di vista dimensionale)

Pele = |e/Ztot|2 Ztot

 

 

 

Nel calcolo del rendimento interessa la potenza attiva (parte reale della potenza)

 

Re[Pele] = |e/Ztot|2 Re[Ztot]

 

E che, per ottenere il rendimento dal confronto con la sfera pulsante ideale, il rendimento dovrebbe essere calcolato erogando sul carico una potenza pari a un Watt a ciascuna frequenza. Nelle effettive condizioni d'uso un altoparlante è collegato all'uscita di un amplificatore assimilabile ad un generatore di corrente (con fattore di smorzamento "alto") e la potenza erogata è determinata dal carico.

Nelle effettive condizioni d'uso l'altoparlante è pilotato a potenza costante solo se la sua impedenza è rigorosamente costante.

 

Appare quindi più opportuno, nel valutare le prestazioni di un sistema di altoparlanti riferirsi al potenza a custica ottenibile con un pilotaggio a tensione costante. Tale tensione è stata fissata a 2.83Vrms (che corrisponde a 1 Watt su 8 Ohm).