Battimenti del secondo ordine
31 marzo 2020
MB


Il fenomeno dei battimenti del secondo ordine consiste nella sensazione di modulazione di ampiezza che si avverte quando lo stimolo è composto da due suoni puri che eccitano la membrana basilare in regioni che non si sovrappongono. La frequenza f2 sia posta inizialmente ad un valore f2 = 2 f1. Si può notare che per diverse differenze di fase iniziale fra le due componenti la forma d'onda cambia notevolmente. Se la differenza di fase si mantiene perfettamente costante, tuttavia, l'ascoltatore non percepirà alcuna differenza. Quando la frequenza f2 viene leggermente stonata rispetto all'ottava ( f2 = 2 f1 +e), la differenza di fase non rimane più costante. Il sistema uditivo percepisce in queste condizioni battimenti a frequenza fb = e (Figura 2.18). Battimenti del secondo ordine si ottengono anche stonando leggermente intervalli di quarta ( f2 = 4=3 f1) e di quinta (3=2 f1), con frequenze di battimento rispettivamente di fb = 3e e fb = 2e Hz. Questo fenomeno mette bene in risalto come il senso dell'udito sia insensibile a differenze di fase costanti nel tempo, ma sensibile alla variazione nel tempo dello sfasamento. In sostanza però la fase centra poco e bisogna guardare all'inviluppo. L'apparato uditivo è sensibile all'inviluppo della forma d'onda.