Rumore Flicker

 

...dal punto di vista dell’incertezza di misura...

il rumore flicker pone un limite alla riduzione dell’incertezza di misura al crescere del tempo di misura, per questo si parla a volte di “flicker floor”.

Corso “Segnale e Rumore” – Giorgio Brida – Giugno/luglio 2007

 

……per fortuna esistono i filtri passa-alto. (Mario Bon)

 

Il rumore Flicker è presente in moltissimi fenomeni, riguarda le basse frequenze e il suo spettro è sostanzialmente rosa (energia costante per bande di frequenza di larghezza percentuale costante).

È tipico dei sistemi caratterizzati dalla presenza di un gran numero di costnati di tempo di frequenza diversa.

 

Rumore Flicker: tipico rumore a bassa frequenza presente in molti processi di trasporto (anche nel battito cardiaco e nel flusso di auto in autostrada, nelle macchie solari) nei transistor e altri dispositivi attivi è probabilmente dovuto a “trappole” che “catturano e rilasciano”  i portatori di carica, causando fluttuazioni casuali del flusso di corrente o nella resistenza (in realtà di origine incerta). Lo spettro va come 1/f (si attenua di 3 dB per ottava). Questo tipo di rumore è anche detto rumore rosa e da esso il “rumore rosa” prende nome. A frequenze ancora più basse subentra il rumore Shot con andamento 1/f2  (equazione di Schottky). il rumore flicker pone un limite alla riduzione dell’incertezza di misura al crescere del tempo di  misura (flicker floor).